Questo sito utilizza dei cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione accetti la policy sui cookies.
In caso contrario, ti invitiamo ad abbandonare la navigazione di questo sito.

Contrastare la povertà

Il 17 ottobre – Giornata Mondiale contro la Povertà indetta dall'Onu – rappresenta l'occasione per richiamare l'attenzione sulla situazione di quanti in Italia e nel mondo vivono oggi in condizioni di esclusione, disagio e mancanza delle elementari risorse per vedere rispettati i diritti ad una vita dignitosa. Nonostante l'ottimistica dichiarazione della Banca Mondiale - che in questi giorni ha diffuso la notizia che meno di una persona su dieci, quest'anno per la prima volta, vivrà con meno di 1,9 dollari al giorno - la povertà è una condizione legata a diseguaglianza ed esclusione per milioni e milioni di persone e di famiglie, anche nei paesi più ricchi.

  • Da giugno 2014 a giugno 2015 altre 30mila persone sono entrate nel bacino dei deboli in Italia: complessivamente, adesso, si tratta di 9 milioni e 246 mila soggetti in difficoltà. Ai “semplici” disoccupati vanno aggiunte ampie fasce di lavoratori, ma con condizioni precarie o economicamente deboli che estendono la platea degli italiani in crisi. (fonte: Unimpresa- ottobre 2015)
    http://www.unimpresa.it/crisi-unimpresa-a-rischio-poverta-92-milioni-di-italiani/11252
  • Tra il 2008 e il 2014 il reddito disponibile delle famiglie italiane è diminuito in termini reali del 9%; a fronte di tale contrazione, le famiglie hanno aumentato i consumi dell’1%. Durante la crisi le risorse a disposizione delle famiglie sono diminuite; le banche hanno operato una restrizione all’offerta di credito, soprattutto per le famiglie più povere e maggiormente esposte alla volatilità del reddito. Dall’analisi emerge l’esistenza di una rete informale di sostegno alle famiglie in difficoltà: la quota di famiglie che hanno ricevuto aiuto da conoscenti era pari al 3,9 % in media nel biennio 2006-08, per poi aumentare al 4,5 % durante la crisi. La sua rilevanza non è trascurabile in termini macroeconomici. Il ricorso all’aiuto di parenti o amici è il segnale di una condizione di elevata fragilità finanziaria: può fornire un supporto alle famiglie in particolare difficoltà, contribuire al pagamento degli arretrati delle bollette e del pagamento dei prestiti, ma non copre del tutto le necessità. Le famiglie che chiedono aiuto a parenti o amici sono quindi particolarmente fragili. Ciò si riflette sulla crescita economica attraverso minori consumi, ma anche sulla stabilità finanziaria, considerando che la quota di famiglie indebitate e vulnerabili tra queste è superiore a quella media della popolazione.  (fonte: Banca d'Italia- settembre 2015)
    https://www.bancaditalia.it/pubblicazioni/qef/2015-0291/index.html
  • Nel nostro paese gli ultimi dati Istat parlano ancora di oltre 4 milioni di poveri assoluti e nei centri Caritas crescono le richieste di aiuti economici e materiali, insieme al bisogno di ascolto.
    Le ragioni ultime delle troppe iniquità che affliggono sono certamente molteplici, ma tutte riconducibili a un’unica parola: esclusione, in tutte le sue forme: esclusione dalla terra, dal reddito, dal lavoro, dal salario, dalla vita, dalla cittadinanza. (fonte: Caritas, Rapporto sulle politiche contro la povertà in Italia, settembre 2015)
    http://s2ew.caritasitaliana.it/materiali/Pubblicazioni/libri_2015/Rapporto_politiche_poverta/Caritas_rapporto_politiche_poverta2015.pdf
  • La lunga recessione da cui il nostro Paese sembra finalmente uscito ha profondamente modificato la situazione sociale del paese, in particolare per quanto riguarda la geografia delle diseguaglianze e della povertà economica.
    La contrazione del reddito che le famiglie italiane hanno sperimentato non è stata infatti omogenea tra la popolazione ma ha, al contrario, colpito alcune categorie sociali molto più di altre (fonte: Rapporto annuale Inps – luglio 2015) http://www.inps.it/docallegati/News/Documents/Inps_RA_2014.pdf
  • Nel 2014, 1 milione e 470 mila famiglie (5,7% di quelle residenti) è in condizione di povertà assoluta, per un totale di 4 milioni 102 mila persone (6,8% della popolazione residente). (fonte: Istat, La povertà in Italia- 15 luglio 2015)
    http://www.istat.it/it/archivio/164869

Installazione realizzata nell'Edicola Caritas a Expo 2015

«La superficie a terra rappresenta l'intera popolazione umana e le monete rappresentano la ricchezza posseduta. La torre centrale rappresenta l'1% della superficie e tuttavia contiene il 50% delle monete. Ai piedi della torre, un quadrato – che rappresenta il 20% della superficie – contiene il 94% delle monete. Nel restante 80% della superficie sono contenute solo il 6% delle monete. L'installazione rappresenta la realtà della distribuzione della ricchezza fra la popolazione del pianeta e rende evidente la diseguaglianza che ne consegue: l'1% della popolazione umana detiene oggi il 50% della ricchezza presente sul pianeta. Il solo 20% della popolazione detiene ben il 94% di tutta la ricchezza e l'80% dispone della minima quota del 6%.

Appuntamenti
Settimana contro la povertà 2015 – Le iniziative a Brescia