Questo sito utilizza dei cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione accetti la policy sui cookies.
In caso contrario, ti invitiamo ad abbandonare la navigazione di questo sito.

15 dicembre Siamo tutti don Chisciotte

Lunedì 15 dicembre alle ore 20.45

Biblioteca Comunale Concesio

LO SCRIVERE E IL MALE DI VIVERE

conversazione con

Mariella Mentasti, formatrice e animatrice di laboratori di scrittura,

e Carlo Simoni, scrittore e giornalista

in occasione della

inaugurazione dello scaffale della Salute Mentale

romanzi, conoscenze, informazioni, testimonianze, poesie, immagini, esperienze, emozioni, ragioni,
passato e presente, storie nei libri e DVD disponibili in Biblioteca

 

L'iniziativa con la quale si apre il percorso «Siamo tutti Don Chisciotte» è un incontro in Biblioteca in occasione dell'inaugurazione dello Scaffale della Salute Mentale. Il bisogno di avvicinare con serenità e speranza anche la sofferenza psichica può ricevere risposte anche da un'offerta culturale con la quale tanti titoli - dalla saggistica alla poesia, ai film, fino alle raccolte di scritti prodotti nei corsi di scrittura realizzati con utenti e familiari dei servizi per la salute mentale – diventano noti e disponibili a tutti coloro che vogliono avvicinare il tema, superando il tabù che ancora lo accompagna.

La tutela della salute mentale ha bisogno di essere alimentata da tante risorse, anche da contributi del tutto estranei alla pratica clinica, da tutto ciò che rende possibile uno sfondo, sul quale anche la sofferenza psichica e la malattia possano essere letti e vissuti come una storia che riguarda persone fra le persone.

Lo scrivere, dunque come esperienza che permette di ricondurre l'esperienza del male di vivere a discorso condiviso, è il tema della conversazione nella quale saranno impegnati Mariella Mentasti e Carlo Simoni.

Mariella Mentasti, educatrice e formatrice, anima da anni i laboratori di scrittura creativa rivolti ai pazienti dei servizi per la salute mentale e ai loro familiari, convinta che «La parola, quando ha la funzione di consegnare a se stessi e agli altri una parte della propria vita, quando è parola di senso e di ricerca profonda, cura e si prende cura».

Carlo Simoni, scrittore e giornalista, con le sue opere di narrativa ci avvicina a personaggi che nella propria esistenza fanno i conti con il mal-essere ed è l'ideatore di Secondorizzonte, il sito web dedicato alla scrittura, concepita come «la possibilità non di darsi una vita parallela, ma di intravvedere un Secondorizzonte in questa che viviamo»

«Siamo tutti Don Chisciotte.Viaggio verso la salutementale in Valtrompia» è un percorso che attraversa i luoghi nei quali si vive,si abita e ci si esprime e nei quali il manifestarsi del disagio mentale, della sofferenza psichica, della malattia, suscita timore, sconcerto, insicurezza, soprattutto se mancano punti di riferimento per avvicinare e conoscere il problema, per affrontarlo e per includere chi ne porta il peso.

 Avvicinare, conoscere, includere e condividere l'esperienza sono aspetti essenziali nella pratica dell'operatore sociale e proprio operatori sociali sono i lavoratori della Cooperativa La Rete che anche in questa occasione intende mettere a disposizione della comunità il proprio patrimonio di esperienze, competenze e pratiche, alla ricerca di una crescita comune.

 Il primo obiettivo realizzato dal progetto è stato riunire in una rete collaborativa soggetti che a diverso titolo vogliono, possono, o devono trattare il tema della salutementale in Valtrompia, per far convergere i diversi contributi su di un programma di iniziative che si inscrive nel tessuto sociale, con l'intento di arricchirlo e al contempo riceverne risorse indispensabili.

Nel percorso sono coinvolti anche: UOP20 Gardone Valtrompia AO Spedali Civili di Brescia, Ass. Il Chiaro del Bosco onlus, Coop. sociale Gaia, Comunità Montana di Valle Trompia, SIBCA, Rete Bibliotecaria Bresciana, Istituto di Istruzione Superiore Beretta di Gardone V.T.

Si sono scelti  luoghi e momenti nei quali si dispiegano le relazioni sociali: la scuola, il mondo del lavoro e i centri di aggregazione, in particolare la Biblioteca di Pubblica Lettura che sempre prappresenta nei nostri Comuni una «piazza del sapere».

leggi e scarica il volantino
leggi e scarica la presentazione dell'iniziativa