Questo sito utilizza dei cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione accetti la policy sui cookies.
In caso contrario, ti invitiamo ad abbandonare la navigazione di questo sito.

Fotografia sociale alla Festa del Parco delle Cave

La Cooperativa «La Rete» partecipa alla Festa del Parco delle Cave proponendo una delle sue più recenti esperienze: i laboratori di fotografia sociale, che - a partire dal 2011 – hanno fatto incontrare alcune decine di persone con il desiderio di sperimentare la fotografia come tecnica e come linguaggio per raccontare la realtà.

«Scatti Randagi» della Cooperativa «La Rete» è il gruppo di fotografia sociale costituito nel 2011 in collaborazione con i fotografi Christian Penocchio e Elisabetta Scalvini, contemporaneamente alla nascita del progetto editoriale «il nodo», per cercare un linguaggio fotografico capace di raccontare le «nostre» storie, raccoglierne le immagini, lontano da pregiudizi e luoghi comuni.
Da allora, ogni laboratorio ha dato vita ad un gruppo in cui esprimersi e creare insieme, confrontare sguardi, prospettive, oggetti e immagini, ricercare percorsi e racconti nei luoghi non-comuni, ha fatto nascere amicizie insieme alla raccolta di immagini che le fotografie di «Scatti Randagi» ci hanno regalato.

Nello stand dedicato alla fotografia sociale all'interno della Festa del Parco delle Cave, la fotografa Elisabetta Scalvini propone ai visitatori un'esperienza di fotografia partecipativa e presenta i laboratori che ha realizzato e che realizzerà con Scatti Randagi, oltre che con altre realtà associative. Qui il testo della sua presentazione.

«Scatti Randagi» presenta ai visitatori della Festa del Parco delle Cave un'anteprima della prossima mostra di fotografia - «Mappe urbane».
Fra l'aprile e il giugno 2014 Elisabetta Scalvini ha condotto per «Scatti Randagi» il laboratorio «Mappe fotografiche urbane - Camminare, guardare, fotografare la città»: in dieci camminate attraverso la città, i partecipanti al laboratorio hanno collezionato le immagini con le quali hanno creato una serie di mappe fotografiche che suggeriscono nuovi sguardi e itinerari per scoprire la realtà urbana. Durante la Festa saranno presentati in anteprima alcuni scatti realizzati durante il laboratorio. Tutti I lavori saranno esposti al Bistrò Popolare in una mostra che sarà inaugurata il prossimo 25 settembre.