Questo sito utilizza dei cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione accetti la policy sui cookies.
In caso contrario, ti invitiamo ad abbandonare la navigazione di questo sito.

Eventi e iniziative della cooperativa «La Rete».

31 dicembre. Capodanno al Museo con il Bistrò Popolare

Il Museo di Santa Giulia sarà aperto la notte dell'ultimo dell'anno per festeggiare il capodanno scoprendo i tesori della storia bresciana, dalle  testimonianze celtiche e romane, a quelle longobarde, per arrivare all’epoca rinascimentale.

La cena - servita durante il percorso di visita nelle sale del complesso museale - sarà curata dal Bistrò Popolare della Cooperativa La Rete, che offrirà un menu a tema, con i sapori e i prodotti delle più antiche tradizioni culinarie.

La manifestazione è organizzata da Fondazione Brescia Musei, in collaborazione con il Comune di Brescia.

Come partecipare:
Ingresso, visita e animazione, cena e brindisi al costo di 80 euro a persona. E' richiesta la prenotazione entro il 28 dicembre al Centro Unico Prenotazioni del Museo di Santa Giulia (lunedì-domenica, dalle ore 10 alle 16)
Tel. 030.2977833/834; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tutte le info

15 dicembre Siamo tutti don Chisciotte

Lunedì 15 dicembre alle ore 20.45

Biblioteca Comunale Concesio

LO SCRIVERE E IL MALE DI VIVERE

conversazione con

Mariella Mentasti, formatrice e animatrice di laboratori di scrittura,

e Carlo Simoni, scrittore e giornalista

in occasione della

inaugurazione dello scaffale della Salute Mentale

romanzi, conoscenze, informazioni, testimonianze, poesie, immagini, esperienze, emozioni, ragioni,
passato e presente, storie nei libri e DVD disponibili in Biblioteca

 

L'iniziativa con la quale si apre il percorso «Siamo tutti Don Chisciotte» è un incontro in Biblioteca in occasione dell'inaugurazione dello Scaffale della Salute Mentale. Il bisogno di avvicinare con serenità e speranza anche la sofferenza psichica può ricevere risposte anche da un'offerta culturale con la quale tanti titoli - dalla saggistica alla poesia, ai film, fino alle raccolte di scritti prodotti nei corsi di scrittura realizzati con utenti e familiari dei servizi per la salute mentale – diventano noti e disponibili a tutti coloro che vogliono avvicinare il tema, superando il tabù che ancora lo accompagna.

La tutela della salute mentale ha bisogno di essere alimentata da tante risorse, anche da contributi del tutto estranei alla pratica clinica, da tutto ciò che rende possibile uno sfondo, sul quale anche la sofferenza psichica e la malattia possano essere letti e vissuti come una storia che riguarda persone fra le persone.

Lo scrivere, dunque come esperienza che permette di ricondurre l'esperienza del male di vivere a discorso condiviso, è il tema della conversazione nella quale saranno impegnati Mariella Mentasti e Carlo Simoni.

Mariella Mentasti, educatrice e formatrice, anima da anni i laboratori di scrittura creativa rivolti ai pazienti dei servizi per la salute mentale e ai loro familiari, convinta che «La parola, quando ha la funzione di consegnare a se stessi e agli altri una parte della propria vita, quando è parola di senso e di ricerca profonda, cura e si prende cura».

Carlo Simoni, scrittore e giornalista, con le sue opere di narrativa ci avvicina a personaggi che nella propria esistenza fanno i conti con il mal-essere ed è l'ideatore di Secondorizzonte, il sito web dedicato alla scrittura, concepita come «la possibilità non di darsi una vita parallela, ma di intravvedere un Secondorizzonte in questa che viviamo»

«Siamo tutti Don Chisciotte.Viaggio verso la salutementale in Valtrompia» è un percorso che attraversa i luoghi nei quali si vive,si abita e ci si esprime e nei quali il manifestarsi del disagio mentale, della sofferenza psichica, della malattia, suscita timore, sconcerto, insicurezza, soprattutto se mancano punti di riferimento per avvicinare e conoscere il problema, per affrontarlo e per includere chi ne porta il peso.

 Avvicinare, conoscere, includere e condividere l'esperienza sono aspetti essenziali nella pratica dell'operatore sociale e proprio operatori sociali sono i lavoratori della Cooperativa La Rete che anche in questa occasione intende mettere a disposizione della comunità il proprio patrimonio di esperienze, competenze e pratiche, alla ricerca di una crescita comune.

 Il primo obiettivo realizzato dal progetto è stato riunire in una rete collaborativa soggetti che a diverso titolo vogliono, possono, o devono trattare il tema della salutementale in Valtrompia, per far convergere i diversi contributi su di un programma di iniziative che si inscrive nel tessuto sociale, con l'intento di arricchirlo e al contempo riceverne risorse indispensabili.

Nel percorso sono coinvolti anche: UOP20 Gardone Valtrompia AO Spedali Civili di Brescia, Ass. Il Chiaro del Bosco onlus, Coop. sociale Gaia, Comunità Montana di Valle Trompia, SIBCA, Rete Bibliotecaria Bresciana, Istituto di Istruzione Superiore Beretta di Gardone V.T.

Si sono scelti  luoghi e momenti nei quali si dispiegano le relazioni sociali: la scuola, il mondo del lavoro e i centri di aggregazione, in particolare la Biblioteca di Pubblica Lettura che sempre prappresenta nei nostri Comuni una «piazza del sapere».

leggi e scarica il volantino
leggi e scarica la presentazione dell'iniziativa

Luca Fazzi incontra le cooperative sociali a Brescia

Luca Fazzi, sociologo dell'Università di Trento autore di Imprenditori sociali innovatori. Casi di studio nel terzo settore - il suo ultimo studio pubblicato da Franco Angeli nel 2014 - nel pomerigio del 24 novembre, ha incontrato i rappresentanti di alcune cooperative sociali bresciane al Bistrò Popolare della Cooperativa La Rete. Ne è nato un dialogo e un confronto aperto sulle prospettive di innovazione ed evoluzione delle cooperative sociali, in relazione alla loro storia, alla loro capacità progettuale e alla loro possibilità diproporsi come soggetti economici capaci di rispondere alla crisi e alle esigenze del nuovo welfare.

Mettiamo qui a disposizione l'audio dell'incontro. Clicca su 'play'.

 
 
   

Invito in libreria

Dopo un lungo trasloco e l’invasione dei libri scolastici, riapre in libreria la sezione dedicata ai libri a metà prezzo. Il piano inferiore dello storico negozio in via Calzavellia 26 a Brescia ospita un’ampia proposta di saggistica e narrativa, libri d’arte e per l'infanzia.

Inoltre, arriva in libreria «i libri a peso»  la novità sperimentata in occasione della Fiera del Libro 2014. Per forti lettori.

Il calendario dei prossimi incontri con gli autori

  • mercoledì 26 novembre:  Giardini d'inverno di Paola Baratto (SpazioAref)
  • venerdì 28 novembre: L'incompleto conoscersi di Carlo Simoni (Libreria Rinascita)
  • venerdì 28 novembre: I muri del lungo '68 di William Gambetta (Medulla Bottega di Concetto)

leggi tutto su www.rinascitabrescia.it

11 novembre. Riprende il servizio Emergenza freddo

Da martedì sera riapre il dormitorio di via Rose a Brescia, allestito come ogni anno per l'Emergenza freddo, da novembre ad aprile, per ospitare le persone senza dimora durante la stagione più rigida.

Ai 36 posti di via Rose, si aggiungeranno da dicembre i 20 in via Marchetti.

Il servizio è organizzato in collaborazione con il Comune di Brescia dalle associazioni di volontariato La Rete e il Calabrone, e dal Centro Migranti, con il supporto di altre associazioni di volontariato e parrocchie che garantiscono la partecipazione dei circa 300 volontari mobilitati ogni anno.

Rivolgendosi alle sedi del Centro Diurno L'Angolo (ingresso via Morosini 12), Progetto Strada (Via Lupi di Toscana, 2 - ingresso Parcheggio Randaccio), Centro Migranti (Via Villa Glori, 33) le persone che necessitano di un posto letto possono ritirare i buoni per l'accesso alle strutture, riservate a persone di sesso maschile, aperte tutti i giorni dalle 21 alle 7, che offrono cena, pernottamento e prima colazione.

Le associazioni e i gruppi di volontari forniscono i pasti e l'assistenza per la gestione delle strutture (una decina di persone al giorno) per l'intera durata del servizio. Il Comune offre la disponibilità delle strutture ed un rimborso spese per le attività di coordinamento.

L'Associazione La Rete Una dimora per l'emarginazione sarà quest'anno impegnata a garantire la presenza di due volontari ogni mercoledì e domenica notte in via Rose e la preparazione della cena ogni mercoledì e ogni venerdì in via Marchetti.

Il bilancio del servizio Emergenza freddo 2013-2014 nel sito dell'Associazione Amici del Calabrone.

Dignità e diritti contro la povertà. La Giornata Onu a Brescia

Dal 1993 ogni 17 ottobre in ogni parte del mondo si celebra la Giornata Mondiale contro la povertà indetta dall'Onu con la risoluzione 47/196.

Il tema scelto per la Giornata Mondiale contro la Povertà del 2014 è “Diritti Umani e Dignità dei Popoli che Vivono nella Povertà”

Così lo ha introdotto il segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon lo scorso 2 ottobre:

«Centinaia di milioni di persone sono ancora prive di diritti umani fondamentali, quali quello al cibo, a un’abitazione, all’educazione, a decenti condizioni di lavoro.
Quanti sono costretti a vivere in condizione di povertà si trovano spesso a dover subire esclusione sociale e discriminazione.
La povertà depreda i poveri della loro dignità umana.
I nostri sforzi per sradicare la povertà devono indirizzarsi maggiormente sul rispetto per i diritti umani e la dignità di tutti. Devono andare oltre la soddisfazione di bisogni materiali di base e concentrarsi su discriminazione e disuguaglianza.
Ciò significa garantire che tutti i poveri abbiano accesso alle risorse di cui hanno bisogno – terra, capitale, conoscenza, professionalità – per sfuggire alla povertà. Significa anche attribuire ai poveri i mezzi per poter partecipare effettivamente ai processi decisionali e alle altre attività che toccano direttamente le nostre vite.
La povertà non sarà debellata senza la dovuta considerazione per i diritti umani.
In occasione di questa Giornata, facciamo in modo che siano garantiti la dignità e gli eguali diritti di tutti i membri della famiglia umana e che prosegua la battaglia in favore di un mondo emancipato da povertà e ingiustizia.»

A Brescia, le organizzazioni impegnate nel contrasto alla povertà e all'emarginazione, in occasione della ricorrenza internazionale, organizzano ogni anno un'iniziativa pubblica per sollecitare l'attenzione di tutti sull'obiettivo del contrasto alla povertà e sulle attività che possono incidere concretamente sulle condizioni materiali di chi patisce la povertà estrema.

Quest'anno si radunano sotto il porticato del Palazzo della Loggia nella mattina di sabato 18 ottobre per incontrare i cittadini e sollecitare la loro partecipazione.

Il loro appello è: «anche tu puoi fare qualcosa»

Il Comune di Brescia, che patrocina l'iniziativa, mettendo a disposizione lo spazio nel loggiato della sede del Comune, con l'ospitalità in un luogo simbolico per l'intera città sottolinea l'attenzione che le istituzioni insieme ai cittadini vogliono riservare al contrasto alla povertà e al riconoscimento della dignità di ogni persona umana.

Le organizzazioni promotrici dell'iniziativa ricorderanno inoltre un episodio della storia di Brescia e della sua tradizione di accoglienza e soccorso nei confronti dei più fragili, rievocando la memoria della notte in cui Girolamo Emiliani nel XVI secolo proprio sotto il portico della Loggia radunò un gruppo di orfani abbandonati per offrire loro riparo e conforto.

Sabato 18 ottobre 2014
Dalle 9:30 alle 12:30

Presidio con offerta di caffè, tè, torte e biscotti. Musica e letture.
Porticato del Monte di Pietà, Piazza della Loggia, Brescia

 

leggi e scarica la presentazione dell'iniziativa