Questo sito utilizza dei cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione accetti la policy sui cookies.
In caso contrario, ti invitiamo ad abbandonare la navigazione di questo sito.

22 febbraio - Progetto "Show and Tell"

 Alessia Folcio, insegnante di Italiano nella scuola per richiedenti protezione internazionale della cooperativa La Rete presenta il progetto: Show and Tell Ospitiamo italiani a scuola, avviato a febbraio, con l’incontro con l'avvocato Silvia Guarneri  , al quale è seguito l’incontro con lo chef bresciano Fabio Roversi

“Il progetto ha lo scopo di promuovere la conoscenza reciproca tra cittadini italiani o residenti di lungo corso in Italia e gli ospiti del CAS. In questi anni di lavoro con rifugiati e richiedenti asilo mi sono resa conto che sono molto rare le occasioni di conoscersi reciprocamente e che spesso gli unici italiani con cui i beneficiari hanno contatti sono gli operatori sociali. D’altra parte ho ricevuto richieste di poter venire in aula a conoscere gli allievi da parte di alcuni amici. Del resto si parla molto di richiedenti asilo in questo periodo e questa curiosità positiva non può che venire incontro alla nostra idea di accoglienza. Da qui l’idea di invitare diversi soggetti che vivono in città e sono parte della comunità. Ho pensato ad alcune persone da invitare che saranno ospitate per due ore presso la scuola di lingua italiana L2 del CAS della cooperativa La Rete e avranno modo di conversare con gli allievi. Potranno portare oggetti, slides, articoli e altri materiali per svolgere, se vorranno, brevi attività; oppure semplicemente rendersi disponibili per una chiacchierata.

Gli obbiettivi per gli allievi sono i seguenti:

1. fare pratica nell’utilizzo della lingua italiana con persone diverse dalle insegnanti e gli operatori

2. venire a conoscenza della complessità e dei diversi aspetti culturali della comunità ospitante

3. venire a conoscenza dei mestieri e delle professioni delle persone ospitate

4. esplorare aspetti di vita quotidiana di persone che vivono a Brescia come loro

5. sviluppare capacità relazionali e comunicative

6. raccontare le proprie esperienze e la propria visione della comunità in cui vivono

7. andare oltre gli stereotipi reciproci.

Per le persone che accetteranno l’invito a venire a scuola, l’obiettivo principale è quello di entrare in contatto con persone purtroppo soggette a una costante spersonalizzazione e spesso ridotte ad una mera categoria”.

180405 scioendtell2

180512 ST Bonetti