Questo sito utilizza dei cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione accetti la policy sui cookies.
In caso contrario, ti invitiamo ad abbandonare la navigazione di questo sito.

8 febbraio - In difesa del diritto di voto

180208 diritto di voto

"Il 4 marzo decine di migliaia di persone, colpevoli unicamente di essere povere, saranno escluse dal voto". Questa la denuncia di fio.PSD e dall’associazione Avvocato di strada Onlus ad un mese dalle elezioni che daranno vita alla XVIII legislatura.

Per partecipare al voto, infatti, è indispensabile risultare iscritti all’Anagrafe del Comune come residenti, ma sono ancora molti i Comuni che negano questa possibilità alle persone senza dimora. La conseguenza è che esiste oggi una categoria di cittadini italiani che perde di fatto il diritto di voto, senza rientrare fra coloro ai quali quel diritto è negato per legge (per riconosciuta incapacità civile, per effetto di una sentenza penale irrevocabile, o per particolari casi di indegnità morale).

Perciò la Federazione Italiana per le Persone Senza Dimora fio.PSD e l’associazione Avvocato di strada Onlus lo scorso 8 febbraio hanno chiesto ai sindaci italiani di farsi garanti del diritto di voto di tutte le persone che vivono in strada e di concedere la residenza alle persone che ne faranno richiesta e che hanno i requisiti per ottenerla.

Benché la Circolare Istat 29/1992 abbia stabilito che ogni Ufficio Anagrafe deve registrare la persona senza tetto o senza dimora nel registro della popolazione residente, istituendo – in caso di assenza di domicilio o residenza – una via fittizia, spesso chi vive in strada non dispone di tale attestazione, che garantisce l’iscrizione alle liste elettorali e l’ottenimento del certificato per recarsi alle urne.

“ Senza contare – aggiunge Antonio Mumolo, presidente dell’Associazione Avvocato di strada – che chi non ha la residenza non può curarsi, non ha diritto ad una pensione e in molti casi non ha neanche diritto ad essere preso in carico dai servizi sociali”.

“Per evidenziare questa lacuna e per cercare di invertire questa rotta – spiega Cristina Avonto, presidente fio.PSD – abbiamo pensato di realizzare il primo censimento nazionale delle Vie Fittizie ad oggi attive in circa 200 città italiane (fra cui anche Brescia ndr), pubblicato sul nostro sito”

elenco delle vie fittizie in Italia

l’appello di fio.PSD e Avvocato di strada ai sindaci e ai candidati in vista delle elezioni politiche

il diritto di residenza e le persone senza dimora- focus a cura di fio.PSD

180208residenza